lunedì 22 giugno 2009

AA.VV.ITALIAN THRASH UNIVERSE VOL.1


TITOLO:ITALIAN THRASH UNIVERSE VOL.1
AUTORE:AA.VV.
ANNO:2009
GENERE:THRASH METAL
RECENSORE:SENTENCEDSOUL

VOTO:6/10

Tracklist:
01.Ancient Dome-Tyrants
02.Ciementificio-Macedonia Di Interiora Bovine
03.Cocaine Cowboys-Arrive, Raise Hell & Leave
04.Devastator-No Scout Yes Party!
05.Enemynside-N.B.T (No Blank Theory)
06.MG66-To the Core (Hate You...)
07.Motam DS-Fiesta
08.Nameless Crime-Tested
09.S.L.U.G.S.-Haemorrhage
10.S.R.L.-Melma
11.Subhuman-Nata Troia
12.Sublimhate-Only One Man
13.T-Mule-Line Of Persecution
14.Unknown-Flames Over The Confederacy
15.Uranium 235-Repulsion For The Present
16.Withate-Inner Prowler

Progetto ambizioso quello dell’ “Italian Thrash Universe”, riunire cioè in una compilation le più interessanti band Thrash italiane in circolazione, ambizioso si e difficile anche, ma sicuramente lodevole l’intenzione di provarci.
Magari le 16 bands della compilation non saranno effettivamente il meglio della nostra penisola, ma sono sicuramente un buon spaccato di Thrash metal nostrano, illustrato in tutte le possibili varianti del genere, sotto questo aspetto infatti la compilation si può definire completa; si passa infatti dal canonico Thrash di bands come Ancient Dome e Uranium235 a uno molto più scanzonato e ironico ( Devastator, Cementificio, Motam DS) passando per le svarie sfumature Speed ( Cocaina Cowboys) Core (S.L.U.G.S, Withate) Death ( T-Mule) e anche qualche tinta Prog ( Enemynside) .
La compilation in questione è anche una valida occasione per scoprire qualche nuova band, e in effetti qualche sorpresa c’è eccome, ed è il caso dei Motam DS che con la loro “Fiesta” catturano l’ascoltatore lanciandolo nella loro divertente dimensione casinara e intrisa di crossover. I giovani Motam DS hanno all’attivo solo un demo, sicuramente da tenere d’occhio in ottica futura.
Sugli scudi anche bands più esperte, che si confermano interessanti speranze del Thrash italiano, è il caso di Ancient Dome, SRL, Subhuman, Devastator e Uranium 235.
Altra band da citare assolutamente sono i dissacranti abruzzesi Ciementificio che con la loro “Macedonia Di Carne Bovina” spiazzano letteralmente l’ascoltatore per poi assaltarlo e massacrarlo con una dose massiccia di demenzialità condita da truculenti riff e voce grindeggiante. Astenersi vegetariani e deboli di cuore, questi voraci pescaresi ci sanno fare!
Molto piacevole anche il brano “To The Core” dei trentini MG66, orecchiabile e di sicuro impatto, trasudano groove invece i pezzi “Inner Prowler” dei panteriani Withate e “Only One Man” dei Sublimhate, più elaborata ( e perciò meno adatta a una simile compilation, non essendo un pezzo “da primo ascolto”) è la proposta dei Nameless Crime.
I Cocaine Cowboys ricalcano lo stile motorhead, grazie anche a un cantato che ricorda a tratti Lemmy, violenti al limite del death i padovani T-Mule, ma la palma d’oro per il miglior pezzo della compilation se la aggiudicano a pari merito i Subhuman e gli S.R.L. ; i primi con la cattivissima “Nata Troia” e i secondi con l’insana “Melma”, due pezzi che alzano da soli il livello medio della compilation.
“Italian Thrash Universe” è una buona compilation che permette di avere una piccola panoramica del panorama thrash di casa nostra, oltre che di conoscere interessanti nuove realtà.
La potete scaricare gratuitamente dal sito: http://www.mediafire.com/download.php?gyobqdm4qzy

1 commento:

  1. Wow ragazzi grazie mille! E' la prima recensione per I.T.U.1! :D

    RispondiElimina